Il Boccione maggiore

boccione1_compressed

L’Urospermum dalechampii (L.) F.W. Schmidt (Boccione maggiore, Lattugaccio, Grugno, Amarago) è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Asteraceae.

Il nome del genere Urospermum deriva dalle parole greche “oura“, cioè coda o becco e “sperma“, cioè seme, in relazione quindi al lungo becco di cui è dotato l’achenio. L’epiteto specifico è dedicato al botanico francese J.Dalechamp (o Dalechamps).

Leggi tutto “Il Boccione maggiore”

Staphylea pinnata: il “falso pistacchio”

La Staphylea pinnata L. (Borsolo, Lacrime di Giobbe, Falso Pistacchio) è una specie sporadica endemica italiana appartenente alla famiglia delle Staphyleaceae. Non è molto diffusa sul territorio abruzzese e le segnalazioni per questa essenza si limitano alla Valle del fiume Alento a Serramonacesca (PE) (Marcantonio 1998); al bosco “Defensa” di Molino Aterno e la Valle Peligna sul versante del Morrone (Cianfaglione 2014). La famiglia delle Staphyleaceae comprende una decina di specie arbustive decidue diffuse nelle regioni temperate dell’Emisfero Boreale. Leggi tutto “Staphylea pinnata: il “falso pistacchio””

Dittrichia viscosa: capolini dorati che sfumano nell’Autunno

inula-viscosa1_compressed

La Dittrichia viscosa L. Greuter (Ceppica o Inula viscosa) è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Asteraceae. La forma biologica è H scap – Emicriptofite scapose, ovvero piante perennanti per mezzo di gemme al livello del terreno. In questo periodo è facilmente osservabile lungo i margini stradali o gli incolti: la sua fioritura giallo-dorata, insieme ad altre essenze, accompagna l’ingresso dell’Autunno. Vediamo come riconoscere l’Inula viscosa. Leggi tutto “Dittrichia viscosa: capolini dorati che sfumano nell’Autunno”

Lo stracciabraghe: proprietà ed utilizzi della liana mediterranea

smilax-1compressed

La Smilax aspera L. (Salsapariglia o Stracciabraghe) è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Smilacaceae. È classificabile secondo più forme biologiche: G Rhiz – Geofite rizomatose, NP – Nanofanerofite e P lian – Fanerofite lianose (*). Si tratta di una pianta suffruticosa con fusto sarmentoso, molto tenace e angoloso, glabro e dotato di spine ricurve, da 1 a 4 m di lunghezza. Il portamento è prostrato-rampicante. Il nome comune Stracciabraghe deriva proprio dalla sua straordinaria resistenza e tenacia nel bloccare chiunque si addentri nel bosco. Leggi tutto “Lo stracciabraghe: proprietà ed utilizzi della liana mediterranea”

Helleborus foetidus: una pianta tossica dai mille usi:

Helleborus foetidus L.

L’Helleborus foetidus L. (Elleboro fetido o Elleboro puzzolente o Elabro nero) appartiene alla famiglia delle Ranunculaceae. La forma biologica è Ch suffr (Camefite suffruticose), ovvero piante con fusti legnosi solo alla base. L’Elleboro fetido è una pianta perenne, erbacea, fogliosa con fusto legnoso alla base, strisciante e poi eretto, con guaine triangolari di foglie morte.

Leggi tutto “Helleborus foetidus: una pianta tossica dai mille usi:”

Assenzio: l’erba amara degli antichi

assenzio-2

L’Artemisia absinthium L. (Assenzio maggiore o Assenzio romano), appartiene alla famiglia delle Asteraceae. Si tratta di una pianta perenne, con forma biologica Ch Suffr – Camefita suffrutticosa. L’Assenzio è diffuso in tutta Italia tranne che nelle isole. Abita incolti e zone ruderali aride da 0 a 1100 m s.l.m. In Europa è comunemente diffuso tranne che nel Nord.

Leggi tutto “Assenzio: l’erba amara degli antichi”

La Saponaria: un antico detergente

Saponaria officinalis.jpg

La Saponaria comune (Saponaria officinalis L.) appartiene alla famiglia delle Caryophyllaceae. Si tratta di una pianta molto rustica, coltivata un tempo nei giardini mediterranei e diffusa successivamente in tutta l’Europa temperata. È comunemente diffusa in tutta Italia fino a 1000 m s.l.m. e vegeta in ambienti con terreni freschi e umidi, spesso nei luoghi erbosi lungo i fiumi o in prati, zone ruderali e margini stradali ed in generale in tutte le zone antropizzate. Leggi tutto “La Saponaria: un antico detergente”